News

Di seguito l’ elenco dei nostri ultimi Feed Rss

Secondo l'articolo 17, comma 1, lettera a), deve essere effettuata una valutazione che “deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori […], nonché quelli connessi alle differenze di genere, all'età, alla provenienza da altri Paesi, […]”. La differenza può essere intesa: • Di sesso: “differenze biologiche” • Di genere: “differenze sociali tra donne e uomini” Dunque occorre applicare “un metodo che riesca a cogliere le differenze biologiche (sessuali) e socio-ambientali (di genere) nei diversi aspetti della valutazione”. Sono riportati qui di seguito alcuni esempi di differenze biologiche tra uomo e donna: • La superficie cutanea del corpo maschile è più estesa [...]
Lun, Mag 13, 2019, Continue reading at the source
Ci sono lavori che, più di altri, risultano particolarmente pesanti e logoranti per chi li svolge. È il Decreto legislativo 67/2011 a fornire una lista dei lavori cosiddetti usuranti. Si tratta di mansioni pratiche che sono spesso fonte di stress e di infortuni per via dell'impegno fisico che richiedono. Tra i benefici legati a questo tipo di lavori emerge quello relativo alla pensione di anzianità. Di seguito l'elenco dei lavori indicati dalla normativa di riferimento: lavori in galleria, cava o miniera: in questa categoria sono incluse anche le mansioni eseguite dagli addetti al fronte di avanzamento prevalentemente e continuativamente in ambienti sotterranei; lavori [...]
Lun, Mag 06, 2019, Continue reading at the source
Secondo quanto riportato dalla Legge 30/12/2018, n. 145, al punto 485, “è riconosciuta alle lavoratrici la facoltà di astenersi dal lavoro esclusivamente dopo l'evento del parto entro i cinque mesi successivi allo stesso, a condizione che il medico specialista del Servizio Sanitario Nazionale o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro”. Dunque, chi vorrà, e otterrà il via libera del medico, potrà rimanere al lavoro fino al nono mese, potendo usufruire dell'intero periodo di astensione [...]
Gio, Mag 02, 2019, Continue reading at the source

Per ulteriori informazione visitate anche la nostra fonte rss Ecloga Italia in cui potete trovare ulteriori informazioni riguardanti la sicurezza sul lavoro,  la valutazione dei rischi ed i corsi di formazione.