Valutazione dei rischi e sicurezza sul lavoro in azienda.

La Normativa sulla sicurezza del lavoro ha rivestito, nella storia dell’umanità, una grande conquista societaria che ha permesso alle varie leggi di definire un sistema prevenzionistico del lavoro che si è affinato con l’evolversi delle mansioni e il moltiplicarsi delle attività lavorative; infatti dalle prime forme di lavoro organizzato, si arriva alla crescente complessità delle società umane e la progressiva abilità di accumulazione e conservazione delle risorse.

La prima nazione in cui venne emanata una legge antinfortunistica fu la Germania con l’introduzione, nel 1884, di un sistema obbligatorio di assicurazione convenzionato.

Successivamente le legislazioni antinfortunistiche, si diffusero in Europa e fuori di essa.

In Italia, nel 1930, con il RD (regio decreto) n°1398 viene emanato il Codice Penale (codice Rocco) che si occupa, nel libro secondo, della tutela e sicurezza della pubblica incolumità del lavoro con gli art. 437 e 451 da situazioni da pericolo e da situazione di danno con gli art. 589 e 590.

Nel periodo post-bellico in Italia si assiste al “boom” dell’economia, con inevitabile incremento della produzione e di conseguenza degli infortuni e malattie professionali.

Verso la metà degli anni 50, il Governo, sotto la spinta delle categorie di datori di lavoro e di lavoratori, emana una serie di regolamenti, la cui rilevanza è particolare e tale che, con i dovuti adeguamenti, resistano sino ad oggi.

Il DPR 547/55 e il DPR 303/56 sono nati per porre chiarezza nel mondo della Sicurezza dei luoghi di lavoro, e sono state le prima vera norma generale in tale materia (valenza oltre che legislativa anche di tipo tecnico):

La difesa della salute sul lavoro divenne a quel punto un nodo centrale dell’iniziativa sociale, tanto che il Parlamento stesso si trovò costretto a riconoscerne l’importanza, approvando con la legge 300/70 “Statuto dei Lavoratori” che all’art. 9 riconosce la “Tutela della salute e dell’integrità fisica:

I lavoratori, mediante loro rappresentanza, hanno diritto di controllare l’applicazione delle norme per la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali e di promuovere la ricerca, l’elaborazione e l’attuazione di tutte le misure idonee a tutelare la loro salute e la loro integrità fisica”.

La Riforma sanitaria Legge 833/78 Istituzione del Servizio Sanitario Nazionale inserisce la sicurezza del lavoro fra gli obiettivi del SSN e assegna alle ASL il compito di provvedere alla prevenzione degli infortuni e malattie

La creazione di un mercato unico europeo porta il legislatore europeo alla direttiva quadro 89/391/CEE concernente l’attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della Salute e sicurezza dei lavoratori durante il lavoro.

La differenza di rispetto al sistema “command and control” previsto dalle precedenti norme è l’introduzione nella gestione della sicurezza di valutazioni di tipo: Tecnico-Organizzativo-Procedurale-Comportamentale.

Le innovazioni introdotte dal recepimento della normativa in Italia con la Legge 626/94, riguardano la centralità del ruolo del Datore di Lavoro (DDL) che non può più limitarsi ad applicare le norme esistenti ma deve organizzare un sistema aziendale di prevenzione; prevedere ogni possibile effetto negativo per la salute e la sicurezza dei lavoratori (attraverso il Documento di Valutazione dei Rischi DVR),programmare e mettere in atto tutte le misure prevenzione e protezione.

I principi basilari, fondamenta della 626 sono:

  • la totale responsabilità del datore di lavoro per la salute e sicurezza dei lavoratori;
  • la diffusione del la cultura della sicurezza anche attraverso la partecipazione dei lavoratori alla sicurezza in azienda

Vengono introdotti i concetti di:

  • PREVENZIONE (attuazione di misure che vengono ritenute utili per eliminare o per ridurre quanto più possibile le situazioni di pericolo).
  • PROTEZIONE (limitazione degli eventuali danni).
  • PERICOLO (proprietà o qualità intrinseca di una situazione o materiale di arrecare danno a persone o cose).
  • RISCHIO (probabilità che sia raggiunto il limite potenziale di danno nelle condizioni di esposizione ad un determinato fattore)

Con il passare degli anni si rende necessario un riassetto della normativa che con la L 123/2007 produce l’attuale legge antinfortunistica: IL DLGS 81/08.

Attraverso quest’ultimo strumento il legislatore nazionale ha voluto riscrivere ma anche integrare la precedente disciplina, proponendo un nuovo modello di organizzazione aziendale relativamente alla sicurezza, tale da coinvolgere tutti gli attori protagonisti della vita aziendale e finalizzato al costante miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza

Si definisce per la prima volta, il concetto di Salute e di tutela Etica del rapporto di lavoro, la disciplina della sicurezza non deve solo evitare o il ridurre la possibilità dei rischi di malattia o di infermità, ma bensì, deve avere come scopo superiore, ma anche realizzare un contesto organizzativo aziendale nel quale vengono tutelati anche la persona come valore in sè ed il suo benessere psicologico.

 

 

 

Perché scegliere noi

La nostra struttura organizzativa ci permette di erogare servizi completi in termini di competenza e supporto per i nostri clienti.

In ottemperanza alla vigente normativa sulla valutazione dei rischi e sulla sicurezza del lavoro, la nostra competenza può considerarsi fondamentale per le aziende e per i professionisti che si affidano a noi.

Le nostre qualità:

  1. Competenza
  2. Professionalità
  3. Esperienza
  4. Supporto
  5. Formazione

Riconoscimenti:






Società accreditata alla
Regione Lombardia
Albo n° 690 del 14/12/2011


Seguici sui social network





Servizi per la sicurezza sul lavoro

Sicurezza sul lavoro

Svolgiamo consulenza in materia di Antincendio dalla piccola alla grande impresa. Progettiamo e realizziamo sistemi di analisi e valutazione dei rischi presenti nei luoghi di lavoro su misura per ogni cliente.

Ci occupiamo di Supervisione e coordinamento prove di evacuazione, Redazione piani di emergenza, Redazione planimetrie piani di emergenza.

[+] Scopri i nostri servizi in materia di antincendio

Documentazione per la valutazione del rischio

Valutazione dei rischi

Ci occupiamo dell'individuazione e valutazione di tutti i rischi presenti nell'azienda. Realizzando l’elaborazione della documentazione necessaria all’azienda per ottemperare agli obblighi di legge e per migliorare il proprio sistema di gestione della sicurezza e salute sul luogo di lavoro.

In particolare ci occupiamo di: Valutare il rischio chimico, Valutazione del rischio da movimenti ripetitivi, Esecuzione fonometria, Valutazione dei rischi da esposizione a vibrazioni, Esecuzione misure radon,

[+] Scopri i nostri servizi per la valutazione dei rischi

Altri servizi

La nostra azienda EclogaItalia s.p.a. svolge inoltre altri servizi per le aziende clienti nell'ambito della valutazione dei rischi e della sicurezza del lavoro: Elaborazione del piano operativo per la sicurezza sul lavoro, Servizi ambientali, Servizi per le attività alimentari.

[+] Scopri gli altri nostri servizi per la sicurezza nelle aziende

© Copyright 2012 Ecloga Italia S.p.a.- via Brescia 23 - 20063 - Cernusco sul Naviglio (MI) - P.IVA 03782720969 All rights reserved.